Vai al contenuto

Maritozzi Bimby: i tradizionali dolci romani, deliziosamente soffici e golosi

maritozzi bimby

Quando si parla di Maritozzi, si fa riferimento a dei buonissimi panini dolci, serviti in ogni bar e pasticceria del Lazio.

Inviaci le tue ricette con il Bimby e verranno pubblicate! Clicca qui per entrare nel gruppo Facebook

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il canale Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità. IL TUO NUMERO DI TELEFONO NON LO VEDRÀ NESSUNO!

Un lievitato che ha le sue origini fin dall’Antica Roma, quando il fidanzato lo donava alla sua futura sposa. Quest’ultima, a sua volta, era solita definire il futuro marito come maritozzo, da cui deriverebbe il nome di queste squisite pagnottelle dolci.

Dunque i Maritozzi rappresentano in pratica dei paninetti molto morbidi, insomma, delle vere e proprie ghiottonerie!

Da provare: Pan brioche al latte con il Bimby, la versione più soffice al mondo

Maritozzi Bimby

La ricetta dei Maritozzi può variare, in base alle preferenze di ognuno. Infatti, si possono farcire basandosi sui propri gusti. In più, sono ancora più semplici da realizzare, grazie all’aiuto del Bimby. Sono perfetti da preparare quando si desidera fare una merenda irresistibile e molto golosa, oltre che diversa dalle solite. Ma sono pure ideali da gustare a colazione, magari accompagnati da un buon cappuccino.
5 da 3 voto
Preparazione 30 minuti
Cottura 20 minuti
Lievitazione 4 ore
Tempo totale 4 ore 50 minuti
Porzioni 8 Persone

Ingredienti:

Cosa ci occorre per preparare i Maritozzi

Per il lievitino

  • 10 g Acqua
  • 1 Bustina Lievito di birra secco
  • 20 g Farina 00

Per l’impasto

  • 270 g Farina 00
  • 1 Uovo
  • 50 g Burro
  • 30 g Zucchero
  • 100 ml Latte
  • 1 Scorza di Limone

Istruzioni:

Come fare i Maritozzi Bimby

  • Il primo passaggio da eseguire è quello di preparare il lievitino;
  • Internamente al boccale mettere la farina con l’acqua e il lievito. Attivare per 1min./vel.5, poi 1 min./modalità Spiga;
  • Introdurre il lievitino in una ciotola, coprendo successivamente con la pellicola per alimenti e lasciando lievitare nel forno spento, per 1 ora e con la luce accesa;
  • Dopo questo lasso di tempo, cominciare a preparare l’impasto. Nel boccale introdurre la scorza di limone e lo zucchero, avviando per 10sec./vel.10;
  • Unire ora l’uovo con il burro e la farina, attivando per 30 sec./vel.4;
  • Adesso con le lame in movimento, mettere in aggiunta il latte, lavorando per 1min./vel.2;
  • Unire poi il lievitino e lavorare per 10min./modalità Spiga;
  • Porre l’impasto internamente a un recipiente, coprendo con pellicola e lasciando lievitare nel forno spento, con la luce accesa per 2 ore;
  • Successivamente riprendere l’impasto, per stenderlo col matterello su un piano infarinato, così da formare una sfoglia con l’altezza di 2cm. circa;
  • Ritagliare dei dischetti tramite un coppapasta di 7cm. o della grandezza che preferite;
  • Disporre i dischetti su una teglia da forno, ricoperta con della carta da forno;
  • Ora dovrete coprire i dischetti con la pellicola, facendoli lievitare nel forno spento, per 1 ora con la luce accesa;
  • Infornare in forno bel caldo, statico per 20min./180°. Si consiglia di controllare i tempi di cottura, basandosi sul proprio forno;
  • Sfornare lasciandoli poi raffreddare e, se preferite, spolverizzarli con lo zucchero a velo.

Curiosità e suggerimenti

Se vuoi ricevere offerte strepitose, selezionate per te da Amazon, iscriviti gratis al canale Telegram, cliccando qui oppure al canale Whatsapp, cliccando qui. IL TUO NUMERO DI TELEFONO NON LO VEDRÀ NESSUNO!!

  • Questo dolce tipico della tradizione romana si può gustare nel modo migliore, accompagnandolo non solo al cappuccino ma pure a una tazza di caffè o di cioccolata calda. Il Maritozzo equivale a un simbolo delle festività, nell’ambito della cucina romana, ed è amato da tutti per via del suo sapore così originale a cui non si può resistere.
  • Si può farcire con la crema pasticcera oppure, alternativamente, con la panna montata, con la Nutella o con la confettura.
  • Volendo, si può anche decidere di aggiungere delle gocce di estratto di vaniglia direttamente sulla crema pasticcera, così da apportare un tocco in più all’aroma.
  • Adesso non vi resta che assaporare questa prelibatezza che ormai non ha conquistato solo i romani, ma tutti gli italiani.
5 from 3 votes (3 ratings without comment)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating